Gli Incentivi Motivano le Persone? Uno Stimolante Contributo …. Che Fa Riflettere

Immagine anteprima YouTube

Commento di Armando Pintus.

Dan Pink, analista aziendale americano, in questo interessante testimonianza fornisce un contributo sul complesso problema della motivazione.

Partendo da una considerazione che è ignorata dalla maggior parte dei manager e dei dirigenti,  ma che è ben nota agli esperti di scienze sociali, afferma che le ricompense di tipo tradizionale del tipo ” se fai x….. allora avrai y”  non sono efficaci come si potrebbe pensare o come sarebbe ovvio aspettarsi, ma anzi sono generalmente controproducenti.

In questo filmato Dan Pink parla infatti di come gli incentivi economici e i bonus diretti, invece di stimolare la produttività e rendere più rapida l’esecuzione di un compito …… come dimostrano svariate ricerche effettuate negli ultimi 40 anni …… hanno un effetto assolutamente opposto. Ovvero: maggior tempo di esecuzione, minore velocità di pensiero e creatività. E a fronte di un bonus diretto del tipo “se fai questo ottieni quest’altro” per molti incarichi gli incentivi proprio non funzionano o sono specificatamente controproducenti.

 Per altri compiti invece funzionano perfettamente. Bene: e in quali casi questi incentivi dunque funzionano perfettamente? Nei casi in cui ci sono compiti da raggiungere che hanno queste caratteristiche:

  • quando vi sono regole semplici;
  • quando l’obiettivo è chiaro;
  • quando è utile concentrare l’attenzione e restringere il pensiero;
  • quando l’attività è da “cervello sinistro”, e quindi quando vi sono attività normate e da routine;
  • quando non è necessario né opportuno essere creativi.

Quando invece l’incentivo diretto ostacola o danneggia l’azione? In presenza di incarichi odi  attività in cui l’indefinito, il non regolato, la creatività, la capacità di trovare soluzioni che abbiano anche dell’originalità o dell’innovazione ….  o anche più semplicemente quando la persona deve trovare il modo per raggiungere uno scopo e ottenere un risultato non ben definito, l’incentivo diretto non solo non serve, dice sempre Dan Pink riportando il pensiero dei ricercatori di scienze sociali, di esperimenti fatti o finanziati da importantissimi organismi (Federal Reserve Bank, MIT, Carnegie Mellon, University of Chicago, London School of Economics).

Quindi se consideriamo il fatto che il cosiddetto “bastone e carota” non funzionano più, e anzi sono controproducenti nel motivare le persone (e le risorse umane aziendali e professionali) a vincere le sfide del 21° secolo, che cosa scopriamo che funziona oggi?

3 elementi che sono alla base della motivazione interna, o per meglio dire,  “3 desideri motivanti” che agiscono fortemente nel creare coinvolgimento, autodeterminazione, orientamento.

Essi sono:

  1. autonomia in quanto desiderio ed esigenza di dirigere “direttamente” la nostra vita;
  2. padronanza in quanto desiderio di migliorarsi costantemente in qualcosa che viene ritenuto importante;
  3. scopo in quanto spinta a perseguire ciò che una persona fa al fine di “servire e contribuire” alla realizzazione o al raggiungimento di uno scopo più grande.

E quindi, in sintesi:

  • c’è uno scollamento, un’incongruenza fra ciò che la scienza sa e dice e ciò che le aziende fanno;
  • gli incentivi “se (se fai x ottieni y) deprimono e abbassano (o distruggono) la creatività;
  • il segreto delle prestazioni di alto livello non sta nei premi o nelle punizioni ma nella pulsione a fare le cose che vengono percepite come dotate di valore e senso.

Si può cambiare il mondo se si seguono i consigli che la scienza dà rispetto agli incentivi, invece di continuare con quell’utilizzo illusorio e controproducente che quasi tutte le aziende oggi perseguono.

Adottando i modelli virtuosi che vengono seguiti da Wikipedia, Google e da altre aziende meno famose che utilizzano incentivi di libertà e non  di denaro (nel film vengono citate ) ….. di fatto le aziende che applicano queste modalità “ricche di scopo”, se diventano numericamente sufficienti,  possono cambiare il mondo.

Commento a cura di Armando Pintus, Psicologo, Coach e Formatore

tag: ,